page loader

News

Importanti modifiche al sistema sanzionatorio: emissioni atmosfera.

03/05/2018
Categorie: Normative
Importanti modifiche al sistema sanzionatorio: emissioni atmosfera.

Con il D.lgs 183 del 15 novembre 2017 ed a decorrere dal 19 dicembre 2017 sono state introdotte delle modifiche alla parte V del D.Lgs 152/2006 (cosiddetto Testo Unico Ambientale)

Un aspetto di assoluto interesse per le aziende riguarda il regime sanzionatorio: Il D.Lgs n. 183 del 15.11.2017 ha introdotto, infatti, le sanzioni per inadempienza alle prescrizioni imposte dall'autorità competente (sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 euro a 10.000 euro) nelle autorizzazioni ambientali.

Per la mancanza del rispetto delle prescrizioni autorizzative (ad esempio le comunicazioni annuali relative ai consumi di materie prime e/o manutenzioni/sostituzioni filtri indicate in alcune autorizzazioni entro 30/04), la mancanza non ha più rilevanza penale, la sanzione però aumenta notevolmente arrivando ad un massimo di 10.000 euro. In passato veniva applicato ¼ del massimo, ovvero 258,00 Euro, mentre ora verosimilmente 2.000/2.500 euro (rispettivamente il doppio del minimo o ¼ del massimo).

Rimane la rilevanza penale di impianti non autorizzati, anche in quel caso la sanzione va da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 10.000 euro, anche qui ragionevolmente si arriverà in effetti a 2.000/2.500 euro.

Nel dettaglio:

  • Arresto da due mesi a due anni o ammenda da 1.000 a 10.000 euro (in precedenza arresto da due mesi a due anni o ammenda da 258 a 1.032 euro) nel caso di installazione o esercizio dell’impianto in assenza di autorizzazione alle emissioni o con autorizzazione scaduta, decaduta, sospesa o revocata ovvero di modifica sostanziale non autorizzata
  • Sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 euro a 10.000 euro (in precedenza arresto fino ad un anno o ammenda fino a 1.032 euro) in caso di violazione delle prescrizioni contenute nelle normative nazionali o regionali o nei provvedimenti autorizzativi o altrimenti imposte dall’autorità competente
  • Sanzione amministrativa pecuniaria da 300 a 1.000 euro (in precedenza sanzione amministrativa pecuniaria di 1.000 euro) in caso di modifica non sostanziale senza effettuare la preventiva comunicazione.
  • Arresto fino ad un anno o ammenda fino a 10.000 euro (in precedenza arresto fino ad un anno o ammenda fino a 1.032 euro) in caso di violazione dei valori limite di emissione